Collio

Collio Pinot Bianco Doc Santarosa 2022, Castello di Spessa

by Vitocco Francesco on

Nel Collio Friulano, in località Capriva del Friuli, sorge l’azienda vitivinicola Castello di Spessa, fondata a metà degli anni ottanta; sono quasi cento gli ettari vitati, da cui vengono prodotte circa quattrocentocinquanta mila bottiglie l’anno. La nuova conduzione enologica ha mantenuto la tradizione sapendo aprire all’innovazione ed all’internazionalità, riuscendo così a proporre una linea completa e convincente: Pinot Bianco e Grigio, Sauvignon e Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Merlot, Pinot Nero ma anche Friulano, Ribolla Gialla, anche in versione spumante.

Il Collio Pinot Bianco Doc Santarosa, affinato in parte in barrique ed in parte in acciaio sui propri lieviti sino al marzo successivo alla vendemmia, si presenta per quanto riguarda la vendemmia 2022 di un bel colore giallo paglierino luminoso, con ampie striature dorate. Di buona consistenza nel calice, si apre vigoroso al naso con profumi di cedro, pesca, zagara, fiori di camomilla e fiori di acacia; in bocca scorre morbido e rotondo, caldo ma anche sapido e con una spalla acida importante. Strutturato ma agile, appaga il gusto raggiungendo un ottimo equilibrio e prolungandosi in un finale molto lungo, persistente ed elegante.

Un Pinot Bianco che ha classe e qualità da vendere, da provare in abbinamento con dei tagliolini al nero di seppia.

Collio Pinot Bianco Doc Tàlis 2022, Venica & Venica

by Vitocco Francesco on

A Dolegna del Collio, località Cerò, in provincia di Gorizia, incastonata in uno splendido territorio ricco di dolci colline e splendidi boschi, si trova l’azienda vitivinicola Venica & Venica, vero e proprio punto di riferimento per quanto riguarda la produzione di vini di qualità non solo in Friuli ma in tutta Italia.

Il viaggio di questa storica cantina inizia novant’anni fa, nel lontano 1930 con i primi dieci ettari, che con il passare delle vendemmie diventano gli odierni novanta, di cui quaranta vitati; se il Collio è soprattutto – ma non solo – terra di grandi vini bianchi, Venica & Venica ci regala alcune delle più grandi interpretazioni dei vitigni a bacca bianca Malvasia, Traminer Aromatico, Pinot Bianco e Grigio, Chardonnay, dei locali Ribolla Gialla e Friulano, e certamente del Sauvignon.

Il Collio Pinot Bianco Doc Tàlis 2022, affinato per circa il 40% in botti di legno da 20/27 ettolitri, si presenta nel calice di un bel colore giallo paglierino luminoso ed intenso, di media consistenza. Al naso si apprezza da subito un’immediata nota minerale, molto elegante e piacevole, intorno alla quale si dispongono ordinati sentori che richiamano la nespola, la pesca bianca, il melone, la lavanda, il gelsomino e la menta.

Al palato scorre fresco e sapido, succoso e ricco, di media struttura, sempre elegante ed equilibrato; ottimo il finale, una melodia armonica, incisiva e molto persistente.

I vini di Venica & Venica sono un esempio di classe ed eleganza, ed anche questo eccellente Pinot Bianco non fa eccezione; lo porterei in tavola in abbinamento con dei tagliolini ai gamberetti e fiori di zucca.

Sauvignon Vert Opoka 2018, Marjan Simcic

by Vitocco Francesco on

A Dobrovo, nella frazione di Ceglo, all’interno della zona vinicola chiamata Goriška Brda, si trova uno dei più apprezzati winemaker del Collio Sloveno, Marjan Simčič; la storia di questa azienda comincia nel lontano 1860, allorché Mr. Anton Simčič acquistò una fattoria in località Medana e cominciò a produrre vino, riuscendo a venderlo nella nobile Vienna del tempo. Ma è nel 1988 che Mr. Marjan prende in mano le redini della produzione, costruendo nel 1997 una nuova e moderna cantina a Ceglo, cominciando, anno dopo anno, a raggiungere livelli qualitativi sempre più elevati.

La linea Opoka richiama il terreno dove vengono coltivate le viti, e rappresenta il punto qualitativo più alto della produzione aziendale; oggi assaggiamo l’ultimo arrivato della linea Opoka, ovvero il Sauvignon Vert, vitigno chiamato Friulano dalla parte del Collio italiano. Dopo una maturazione di ventitre mesi in botte grande e sei in bottiglia, l’annata 2018 si presenta di un bel colore giallo dorato con leggeri riflessi verdolini, luminoso e consistente nel calice; al naso irrompono note molto intense di mela verde, pesca bianca, timo, salvia ed una nota minerale soffusa. In bocca offre corpo e succo, freschezza ed acidità in equilibrio, con uno sviluppo aromatico elegante e di classe ed un finale lungo e molto persistente.

Una stella scintillante in più nella già ampia galassia di Marjan Simcic, sarà ottimo anche in tavola con piatti a base di pesce e carni bianche, verdure e primi piatti.

Triton Lex 2018, Edi Simčič

by Vitocco Francesco on

A Goriška Brda, una delle terre più vocate per la produzione di vini bianchi al mondo, si trova la cantina Edi Simčič, una delle realtà vitivinicole di più rinomate della zona. In località Dobrovo, a due passi dal bel castello, si trovano vigneti dedicati alla Ribolla Gialla, al Sauvignon Blanc, allo Chardonnay, alla Malvasia, al Pinot Grigio ed ai bordolesi Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot.

Dall’incontro sapiente di Chardonnay al 30%, Sauvignon Blanc al 30% e Ribolla al 40%, nasce il meraviglioso Triton Lex, di cui assaggiamo l’annata 2018: di colore giallo paglierino dorato, esprime carattere al naso con richiami fini e intensi di glicine, ananas, salvia, foglia di pomodoro e tanta mineralità. In bocca scorre con seducente morbidezza rintuzzata da buona freschezza e sapidità; di buona struttura, richiama sensazioni fruttate e minerali, raggiungendo un ottimo equilibrio.

Il finale risulta molto lungo e molto persistente, chiudendo l’assaggio di un piccolo gioiello; lo proverei in abbinamento con una mozzarella di bufala condita con del pesto di zucchine.

Collio Friulano Doc 2019, Tenuta Villanova

by Vitocco Francesco on

L’azienda vitivinicola Tenuta Villanova sorge a Farra d’Isonzo, in provincia di Gorizia, con un’estensione di più di cento ettari fra le denominazioni di origine Friuli Isonzo e Collio; storica realtà risalente addirittura al 1499, vanta oggigiorno una produzione che si aggira intorno alle quattrocentomila bottiglie all’anno, incentrata sui classici vitigni friulani ed internazionali come la Malvasia, il Friulano, la Ribolla Gialla, il Traminer Aromatico, il Pinot Grigio, lo Chardonnay, il Sauvignon, il Cabernet Franc, il Merlot ed il Refosco dal Peduncolo Rosso.

Oggi ci versiamo nel calice il Collio Friulano Doc, affinato sei mesi per  il 10% in tonneaux ed il resto in acciaio a contatto con i propri lieviti: la vendemmia 2019 si presenta di un bel colore giallo paglierino luminoso, piuttosto consistente nel calice, dal quale arrivano al naso sentori intensi di agrumi e pesca gialla, timo, salvia e una piacevole mandorla finale. In bocca dominano freschezza e sapidità, con buona morbidezza e struttura, finendo con una media lunghezza riproponendo sensazioni simmetriche con quanto apprezzato al naso.

Molto piacevole ed elegante, lo proporrei in abbinamento con una tartare di tonno.

Collio Sauvignon Doc Ronco delle Mele 2019, Venica & Venica

by Vitocco Francesco on

A Dolegna del Collio, località Cerò, in provincia di Gorizia, incastonata in uno splendido territorio ricco di dolci colline e splendidi boschi, si trova l’azienda vitivinicola Venica & Venica, vero e proprio punto di riferimento per quanto riguarda la produzione di vini di qualità non solo in Friuli ma in tutta Italia.

Il viaggio di questa storica cantina inizia novant’anni fa, nel lontano 1930 con i primi dieci ettari, che con il passare delle vendemmie diventano gli odierni novanta, di cui quaranta vitati; se il Collio è soprattutto – ma non solo – terra di grandi vini bianchi, Venica & Venica ci regala alcune delle più grandi interpretazioni dei vitigni a bacca bianca Malvasia, Traminer Aromatico, Pinot Bianco e Grigio, Chardonnay, dei locali Ribolla Gialla e Friulano, e certamente del Sauvignon.

Oggi stappiamo l’annata 2019 del Collio Sauvignon Doc Ronco delle Mele, ottenuto da una fermentazione e maturazione per sei mesi dell’80% in acciaio e del 20% in botti grandi di Slavonia da 20/27 hl; il vino si presenta nel calice vestito di un bel colore giallo paglierino luminoso, consistente ed elegante. Al naso sbocciano profumi intensi di gelsomino e caprifoglio, cedro e foglia di pomodoro, con sensazioni che richiamano il timo, il burro di arachidi, il pompelmo, con rifiniture soffuse di salvia e pietra focaia; al palato è estremamente gentile, con freschezza e sapidità che incontrano calore e morbidezza regalando una sinfonia armonica, lunga e molto persistente.

L’equilibrio e la finezza si incontrano in questo eccellente Sauvignon per raccontarci un territorio generoso ed unico al mondo, da cui Venica & Venica ci regalano ad ogni vendemmia un nuovo capolavoro; lo proverei in abbinamento con dei tagliolini con scampi ed asparagi.

Voglio segnalare anche l’ottima struttura ricettiva, perfetta per chi cerca relax e un ambiente da favola.

Collio Malvasia Doc 2019, Paolo Caccese

by Vitocco Francesco on

L’azienda Paolo Caccese si trova a Cormons, una delle capitali del vino bianco italiano, in provincia di Gorizia e precisamente in località Pradis; fondata ne 1954, oggi si estende su circa sei ettari vitati dedicati al Pinot Bianco e Pinot Grigio, al Friulano, al Sauvignon, alla Malvasia, al Müller Thurgau, al Riesling ed al Traminer Aromatico, ma anche al Verduzzo, al Cabernet Franc ed al Merlot.

Il Collio Malvasia Doc proveniente dalla vendemmia 2019 si presenta di un bel colore giallo paglierino con ampi toni dorati, consistente nel calice da cui si apprezzano all’olfatto note fruttate di mela e pesca gialla, con aromi di timo, dragoncello e pepe bianco, intensi e freschi; in bocca l’ingresso esprime grande pulizia ed eleganza, risulta avvolgente e caldo al palato, con una spina dorsale minerale decisa ed una linea di freschezza piacevole e ben equilibrata.

Intenso e saporito, propone un finale lungo e persistente, con un’impronta aromatica tipica del vitigno; ottimo in abbinamento con piatti di pesce, un altro bianco di qualità da una cantina di qualità.

Collio Friulano Doc 2015, Ronco Blanchis

by Vitocco Francesco on

A Mossa in provincia di Gorizia sorge l’azienda vitivinicola Ronco Blanchis, fondata nel 1951 e di proprietà della famiglia Palla. Siamo nel territorio del Collio, uno dei più vocati in assoluto per la produzione di vini di qualità in Italia, con alcuni dei migliori e longevi vini bianchi del mondo. La produzione media annua si attesta intorno alle cinquantamila bottiglie, dai dieci ettari di vigneto dedicati alla coltivazione del Friulano, dello Chardonnay, del Sauvignon, della Malvasia e della Ribolla.

Uno dei vini più classici e tipici della cantina di Mossa è il Collio friulano Doc, di cui assaggiamo il frutto della vendemmia 2015: di colore giallo paglierino luminoso, di media consistenza nel calice, si concede immediatamente con ampie note di fiori di ginestra, cedro, nespola, erbe fini, maggiorana e nocciola. Al gusto esprime buona freschezza e mineralità in equilibrio, buon corpo ed una discreta morbidezza, ben dosando l’aspetto pseudocalorico. Il sorso termina con una nota ammandorlata molto piacevole e tipica, con buona lunghezza e discreta persistenza.

Un sorso di Friuli di qualità, da abbinare con l’ovvio prosciutto di San Daniele.

 

Collio Chardonnay Doc Rupis 2015, Ascevi Luwa

by Vitocco Francesco on

L’azienda vitivinicola Ascevi Luwa è stata fondata nel 1972 a San Floriano del Collio, in uno splendido paesaggio collinare a due passi dal confine con la Slovenia; gli ettari dedicati a vigneto sono circa quaranta, situati nei territori a denominazione di origine Collio e Friuli Isonzo, con i classici vitigni locali quali Ribolla Gialla, Pinot Grigio, Friualno, Chardonnay, Sauvignon e Cabernet Sauvignon.

Oggi ci versiamo nel calice il Collio Chardonnay Doc Rupis, dalle uve provenienti dall’omonimo vigneto situato nei dintorni di San Floriano: l’annata 2015 si presenta di un bel colore giallo paglierino luminoso, con cenni dorati e buona consistenza; al naso approccia con note intense di pesca bianca, scorza d’arancia, caprifoglio, ananas ed una bel richiamo minerale. In bocca scorre con una certa vena fresco – sapida decisa e profonda, ancora minerale e fruttato, di buon calore e buona struttura, terminando in lunghezza senza mai abbandonare l’eleganza e la piacevolezza.

Chardonnay di qualità, lo proverei con una carbonara di mazzancolle.

Collio Bianco Doc Blanc de Blanchis 2015, Ronco Blanchis

by Vitocco Francesco on

A Mossa in provincia di Gorizia sorge l’azienda vitivinicola Ronco Blanchis, fondata nel 1951 e di proprietà della famiglia Palla. Siamo nel territorio del Collio, uno dei più vocati in assoluto per la produzione di vini di qualità in Italia, con alcuni dei migliori e longevi vini bianchi del mondo. La produzione media annua si attesta intorno alle cinquantamila bottiglie, dai dieci ettari di vigneto dedicati alla coltivazione del Friulano, dello Chardonnay, del Sauvignon, della Malvasia e della Ribolla.

Il Collio Bianco Doc Blanc de Blanchis è un prezioso blend di Friulano al 50%, Chardonnay al 40%, Sauvignon al 5% e Malvasia sempre al 5%, di cui oggi assaggiamo il frutto della vendemmia 2015: di colore giallo paglierino lucente, di buona consistenza nel calice, si apre al naso con note di pera, salvia, erbe medicinali, lime, mandorla e con cenni minerali diffusi. Al palato si apprezza un’ottima freschezza e sapidità, con richiami simmetrici fruttati e minerali; di ottima struttura, risulta compatto ed equilibrato, con un finale importante, lungo e persistente.

Un vino bianco molto interessante da provare in abbinamento con sushi e sashimi.