Manchuela

In località Casas de Santa Cruz, Cuenca, si trova l’azienda vitivinicola Señorio de Monterruíz , situata in una casa antica e magnificamente restaurata risalente al lontano 1730. Qui si coltiva il vitigno Bobal, autoctono della denominazione di origine Manchuela, ma anche Cabernet Sauvignon, per una produzione comunque recente rispetto alla fondazione della casa. L’offerta aziendale propone anche la possibilità di consumare ottimi cibi e di riposarsi immersi nella storia e nella natura; come l’anno passato ci versiamo nel calice il Manchuela D.O. Monterruíz Bobal – Tempranillo Cepas Viejas, incontro delle due varietà indigene, annata 2015: di colore rosso rubino intenso e luminoso, risulta decisamente persistente nel calice. Olfatto nitido e strutturato, sciorina note di more, cannella, chiodi di garofano, prugna e ricordi balsamici; fresco e tannico al palato, propone buon calore ed una struttura importante, di gran corpo nel complesso.

Profondo, seppur forse ancora giovane, saprà raggiungere con un po’ di attesa uno splendido equilibrio.

Il finale lungo e persistente, apre ad un abbinamento con formaggi dalla buona persistenza aromatica.

Manchuela D.O. Finca El Carril Hechicero 2012, Bodega Iniesta

by Vitocco Francesco on

L’azienda vitivinicola Bodega Iniesta si trova all’interno della denominazione di origine Manchuela, precisamente a Fuentealbilla, Villamalea, in provincia di Albacete; il progetto di produrre vini di alta qualità è cominciato negli anni novanta, partendo da dieci ettari di vigneto, per arrivare al 2010, anno in cui è stata fondata la Bodega che ad oggi può vantare ben centoventi ettari, coltivati soprattutto a Macabeo, Bobal, Graciano, Chardonnay, Petit Verdot e Sauvignon Blanc.

Il Manchuela D.O. Finca El Carril Hechicero è un interessante blend di uve Syrah al 40%, Petit Verdot al 30%, Tempranillo al 20% e Cabernet Sauvignon al 10%, il tutto affinato in botti di rovere francese al 80% e americano al 20% da trecento litri per circa un anno; il frutto dell’annata 2012 si presenta di un bel colore rosso rubino, fitto e consistente nel calice; aromi speziati introducono profumi intensi di sottobosco, susine, violette essiccate e note di cannella. In bocca si percepisce subito molto strutturato, con una trama tannica gustosa e ben dosata, ricco di frutto ed estratto; bilanciato e complesso, regala un finale coinvolgente e molto persistente.

Vino decisamente di alta qualità, ben fatto e convincente, lo proverei in abbinamento con il formaggio Castelmagno.

Manchuela D.O. Rayuelo 2012, Altolandon

by Vitocco Francesco on

L’azienda vitivinicola Altolandon sorge a Landete, nella provincia di Cuenca, una zona che può toccare un’altitudine in alcuni punti di mille e cento metri sul livello del mare. Siamo in un punto a metà strada fra le città di Cuenca, Teruel e Valencia, dove il vigneto aziendale può contare su circa cento e venti ettari. I vitigni alternano i classici locali con quelli internazionali, Malbec, Syrah, Garnacha, Merlot, Tempranillo, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc a bacca rossa, Chardonnay e Moscatel Petit-Grain a bacca bianca.

Il Manchuela D.O. Rayuelo è ottenuto da uve a bacca rossa di varietà Bobal, affinate per otto mesi in barrique di rovere francese; l’annata 2012 si presenta di un bel colore rosso rubino con riflessi viranti al granato, di una certa consistenza nel calice. Il naso è intenso e ricco di piccoli frutti rossi in confettura, rabarbaro, liquirizia, succo di visciole e noce moscata; solido e fresco in bocca, è dotato di una bella trama tannica perfettamente svolta, una certa nota alcolica ben supportata da struttura e gusto fruttato. Persistente e intenso anche il finale, su richiami speziati e ancora fruttati, lo proverei in abbinamento con il confit d’anatra.

In località Casas de Santa Cruz, Cuenca, si trova l’azienda vitivinicola Señorio de Monterruíz , situata in una casa antica e magnificamente restaurata risalente al lontano 1730. Qui si coltiva il vitigno Bobal, autoctono della denominazione di origine Manchuela, ma anche Cabernet Sauvignon, per una produzione comunque recente rispetto alla fondazione della casa. L’offerta aziendale propone anche la possibilità di consumare ottimi cibi e di riposarsi immersi nella storia e nella natura; oggi ci versiamo nel calice il Manchuela D.O. Monterruíz Bobal – Tempranillo Cepas Viejas, un interessante incontro delle due varietà indigene, proveniente dalla vendemmia 2014: di colore rosso rubino acceso, molto consistente, il vino regala al naso generose note di frutta rossa, mango, papaya, violetta essiccata, peperone verde, foglia di pomodoro, pepe nero e cannella. In bocca scorre con buona freschezza, caldo e con tannini importanti e ben presenti; strutturato e gustoso, propone una chiusura lunga e di discreta persistenza.

Un vino molto interesante, lo proverei con le braciole di maiale in agrodolce.