Doc

Sicilia Grillo Doc Grillo Parlante 2022, Fondo Antico

by Vitocco Francesco on

A Trapani, nella Sicilia Occidentale, si trova l’azienda vitivinicola Fondo Antico, la cui produzione spazia dai vitigni autoctoni a quelli internazionali: Grillo, Inzolia, Grecanico, Zibibbo, Nero d’Avola e Perricone da una parte, Chardonnay, Merlot, Cabernet Sauvignon e Syrah dall’altra.

Il Sicilia Grillo Doc Grillo Parlante si presenta per l’annata 2022 di un bel colore giallo paglierino scintillante, di media consistenza nel calice; al naso offre un bouquet olfattivo immediato ed intenso, con nuances di pesca, ananas, caprifoglio e zenzero.

Splendidamente sapido, in bocca scorre fresco ed elegante, dotato di una media struttura che lo rende piacevole e facilmente apprezzabile; abbastanza caldo ed equilibrato, chiude con un finale lungo e calibrato.

Un vino dalla grande tipicità, ottimo in abbinamento con i primi a base di pesce.

Alto Adige Gewürztraminer Doc Frauenrigl 2022, Peter Zemmer

by Vitocco Francesco on

A Cortina sulla Strada del Vino, in provincia di Bolzano, si trova l’azienda vitivinicola Peter Zemmer, la cui tradizione nel mondo del vino affonda le radici nel lontano 1928; ci troviamo in quella porzione di Alto Adige celebre per la produzione di Gewürztraminer, ma non solo: nei circa sessanta ettari dedicati alla vite possiamo trovare Chardonnay, Sauvignon Blanc, Riesling, Müller Thurgau, Pinot Grigio, Pinot Bianco, Pinot Nero, Lagrein e Schiava.

Dalla vendemmia 2022 ci versiamo nel calice l’Alto Adige  Gewürztraminer Doc Riserva Frauenriegl, uno dei cru aziendali situato nella stessa Cortaccia; il vino si presenta di un bel colore giallo dorato scintillante, di buona consistenza nel calice, da cui emergono ampie ed intense note di litchi, frutta tropicale, fieno, salvia, mela verde e melone.

In bocca scorre avvolgente, morbido e caldo, con una freschezza vivace ed un’ottima mineralità; corposo e succulento, viaggia spedito sui binari dell’eleganza, distendendosi caparbio con un finale molto lungo e persistente.

Gewürztraminer di prima classe, lo proverei in abbinamento con dei paccheri al gorgonzola e noci.

Lambrusco di Sorbara Doc Frizzante Secco Leclisse, Paltrinieri

by Vitocco Francesco on

Sorbara, in provincia di Modena, è una delle roccaforti del Lambrusco di qualità, frutto di una grande tradizione ed di un’incredibile sviluppo qualitativo portato avanti da alcune aziende “illuminate” e responsabili come la cantina Paltrinieri.

Nella storica zona del Cristo di Sorbara vengono coltivati circa diciassette ettari, dai quali prendono vita vini artigianali di spessore, sincerità e sempre grande qualità.

Oggi ci versiamo nel calice il Lambrusco di Sorbara Doc Frizzante Secco Leclisse, il quale possiede un bel colore rosa tenue, impreziosito da una spuma gentile ed invitante; al naso si apre con vigore mettendo in risalto aromi molto intensi di lampone, rosa canina e fragola.

In bocca possiede calore, eleganza e molto carattere, capace di solleticare il gusto su più fronti; fresco, secco e di estrema pulizia di bocca, si protrae con buona persistenza invitando ad un generoso secondo assaggio.

Il Lambrusco in un appassionante interpretazione d’autore, da provare in abbinamento con il classico bollito di carne.

 

All’interno del territorio delimitato dalla Denominazione di Origine Controllata Friuli Isonzo non può mancare una visita all’azienda agricola Lis Neris, uno dei picchi qualitativi del vino friulano e dell’Italia tutta.

Condotta sapientemente da Alvaro Pecorari, esperienza e tecniche sempre all’avanguardia, han reso possibile nel tempo da un lato raggiungere una produzione annua di circa 400 mila bottiglie, dall’altro produrre alcuni dei migliori vini d’Italia.

La gamma di vini Lis Neris meriterebbe di essere degustata al gran completo, partendo dai bianchi più semplici, freschi ed immediati, passando per i grandi bianchi e i rossi, complessi e corposi, per finire con le dolci note per esempio dell’intrigante Tal Luc, un Verduzzo impreziosito da un lieve apporto di Riesling.

Ultima nata fra le Cuvée aziendali, il Friuli Isonzo Bianco Doc Fiore di Campo Cuvée F2 2019 rappresenta una meravigliosa unione delle uve Sauvignon Blanc, Friulano e Riesling, maturata sui lieviti fini per ventidue mesi e poi in bottiglia per almeno altri dodici.

Nel calice possiede un bel colore fra il paglierino ed il dorato, piuttosto consistente. Al naso i profumi sono eccellenti per intensità ed ampiezza, con ricordi di glicine, lavanda, mandorla, frutta esotica e zenzero; al palato scorre armonico sin da subito, fine ed elegante, caldo e avvolgente, con buona freschezza e sapidità, dal frutto maturo e accenni speziati. Complesso ma sempre dinamico, chiude con un lungo finale, calibrato e molto persistente.

Un altro grande vino della cantina Lis Neris, ottimo ora ma anche adatto ad un lungo invecchiamento; da provare in tavola con degli scampi lardellati passati al forno.

Mandrolisai Rosso Superiore Doc Antiogu 2021, Fradiles

by Vitocco Francesco on

Ad Atzara, in provincia di Nuoro, si trova la Cantina Fradiles, che nella lingua locale significa “cugini”, trattandosi infatti di una meravigliosa realtà familiare; estesa su circa dieci ettari posti fra i 500 ed i 700 metri di altitudine sul livello del mare, l’azienda realizza vini di qualità a partire dai vitigni locali, in primis Bovale Sardo, Cannonau e Monica.

Ci versiamo nel calice il Mandrolisai Rosso Superiore Doc Antiogu 2021, ottenuto dai vitigni Bovale Sardo al 50%, Cannonau al 30% e Monica al 20%, affinato per dodici mesi in acciaio e dodici mesi in tonneaux di primo e secondo passaggio, a cui segue una sosta di almeno tre mesi in bottiglia.

Di colore rosso rubino fitto ed intenso, decisamente consistente nel calice, propone al naso un bel bouquet ricco di more, prugne mature, viola essiccata, rabarbaro, cardamomo, cannella e spezie dolci; in bocca si percepisce caldo e corposo, con bei tannini croccanti ed una struttura imponente. Avvolgente e ricco di frutto, coccola il palato sino al finale lungo e persistente.

Ottimo in tavola con le costolette di pecora.

Friuli Isonzo Pinot Nero Doc 2020, Vie di Romans

by Vitocco Francesco on

Dalla Valle dell’Isonzo solo vini eccezionali, ecco il biglietto da visita che mi sento di raccomandare quando si parla dell’azienda vitivinicola Vie di Romans; situata a Mariano del Friuli in provincia di Gorizia, la cantina della famiglia Gallo produce dal 1978 vini di qualità, capaci vendemmia dopo vendemmia di creare uno stile inconfondibile fine ed elegante, dai vitigni Sauvignon e Chardonnay in primis, ma anche Malvasia, Friulano, Pinot Grigio, Riesling, Merlot e Pinot Nero.

Oggi assaggiamo proprio il Friuli Isonzo Pinot Nero Doc annata 2020, affinato per quattordici mesi in barrique e poi per un mese in inox al fine di ottenere naturalmente il colore limpido ed affinato poi in bottiglia per altri quattordici mesi. Dotato di un bel colore rosso rubino, leggermente granato, possiede un’ottima consistenza nel calice; al naso gli aromi sono ampi ed eleganti, con ricordi di ribes e mirtilli, chiodi di garofano, ciliegia, rosa essiccata e cannella, con leggeri sbuffi minerali e di erbe medicinali.

In bocca sprigiona classe in abbondanza, espressa da note pseudocaloriche ed una trama tannica perfettamente integrata in una struttura corposa e compatta; il frutto è pienamente espresso, e si percepisce una sensazione di costante equilibrio nonostante l’importanza dell’estratto. Avvolgente e convincente sino al finale, si distende magistralmente con una persistenza aromatica importante.

Il Pinot Nero friulano al suo meglio, da provare oggi ma anche da conservare per assaggi futuri seguendone l’evoluzione; in tavola lo accosterei a delle costolette di agnello alla griglia.

Colli Maceratesi Ribona Doc Altabella 2022, Cantine Fontezoppa

by Vitocco Francesco on

Fondata nel 1999 a Civitanova Marche, in provincia di Macerata, l’azienda Cantine Fontezoppa rappresenta oggi una delle più interessanti realtà enologiche della regione. Fra le quasi duecentomila bottiglie prodotte all’anno ritroviamo una grande varietà di vitigni utilizzati: Verdicchio, Maceratino, Pecorino, Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot, ma anche Incrocio Brini 54, Lacrima e Vernaccia.

Il Colli Maceratesi Ribona Doc Altabella è ottenuto dal vitigno bianco locale Ribona, detto anche Maceratino, e viene affinato in acciaio ed anche in anfora; dalla vendemmia 2022 ci giunge nel calice un vino di colore giallo paglierino carico, luminoso e consistente.

Al naso risulta intenso ed ampio nei suoi richiami al timo, alla susina, al bergamotto, alla camomilla ed alla ginestra; al palato scorre rotondo e caldo, fresco e dotato di ottima mineralità, eleganza ed equilibrio. Il sorso è compatto, dotato di spessore e gusto, senza dimenticare agilità e finezza.

Bello il finale, lungo e ricco, chiude un assaggio di estrema qualità ed interesse; da provare in abbinamento con una coda di rospo al forno.

A Pontassieve, in provincia di Firenze, si trova la Tenuta Bossi dei Marchesi Gondi, storica realtà del vino toscano di qualità risalente al lontano 1592; diciannove ettari di proprietà, coniugati per una produzione di circa cinquantamila bottiglie l’anno, qui sono coltivati vitigni classici come il Sangiovese, il Colorino ed il Trebbiano, affiancati da quelli internazionali come il Cabernet Sauvignon, il Merlot, lo Chardonnay ed il Sauvignon Blanc.

Dalla piccola ed elegante bottiglia da 0,375 ci versiamo nel calice il prezioso Vin Santo del Chianti Rufina Doc Cardinal de Retz Riserva 2008, ottenuto da uve Trebbiano in purezza, lasciate ad appassire per tre mesi e ad affinare in botti da 50 – 200 litri per ben dieci anni.

Il frutto della vendemmia 2008 ci giunge nel calice di un bel colore ambrato, luminoso e molto consistente; al naso è una teoria di sensazioni che richiamano la mandorla, lo zenzero candito, l’uva passa, il miele di corbezzolo, il tabacco ed il cuoio, di buina intensità ed ampiezza.

Al palato scorre meravigliosamente morbido, caldo ed avvolgente, per nulla stucchevole ed equilibrato, con una nota di freschezza che rende dinamico il sorso.

Il finale molto lungo e persistente chiude l’assaggio di un vino prezioso, ricco di qualità e storia, da gustare da solo in meditazione o con formaggi dall’importante stagionatura.

Etna Doc Metodo Classico Brut Gaudensius Blanc de Noir, Firriato

by Vitocco Francesco on

A Paceco, in provincia di Trapani, si trova l’azienda vitivinicola Firriato, una delle più importanti di tutta la Sicilia. Fondata ormai trent’anni fa, da sempre il valore dell’alta qualità ha condotto i vini di questa cantina, capace di coltivare a vite circa trecentoventi ettari e di produrre ogni anno più di quattro milioni di bottiglie. La gamma produttiva è splendida, sia fra i vini bianchi sia fra i vini rossi, con autentici fuoriclasse come l’Ecrù, bianco dolce da uve Zibibbo e Malvasia e l’Harmonium, Nero d’Avola al cento per cento.

L’Etna Doc Brut Gaudensius Blanc de Noir è un metodo classico ottenuto dalle uve Nerello Mascalese, tipiche della zona intorno al celebre vulcano; dopo un affinamento sui lieviti che si è protratto per oltre trentasei mesi il vino si presenta nel calice di un bel colore giallo paglierino brillante, dotato di un perlage ricco di bollicine fini e persistenti. Al naso esprime fragranza ed intensità, con richiami all’arancia rossa, al bergamotto, alla susina, alla foglia di pomodoro ed alla roccia bagnata, con cenni di pan brioche deliziosi.

Al palato risulta di buona struttura e freschezza, con una linea minerale molto piacevole ed elegante; saporito e gustoso, risulta ben equilibrato e calibrato. Il finale lungo e persistente chiude l’assaggio di uno spumante di grande qualità e versatilità in tavola, ottimo in tavola, con i giusti abbinamenti, davvero a tutto pasto.

Collio Pinot Bianco Doc Santarosa 2022, Castello di Spessa

by Vitocco Francesco on

Nel Collio Friulano, in località Capriva del Friuli, sorge l’azienda vitivinicola Castello di Spessa, fondata a metà degli anni ottanta; sono quasi cento gli ettari vitati, da cui vengono prodotte circa quattrocentocinquanta mila bottiglie l’anno. La nuova conduzione enologica ha mantenuto la tradizione sapendo aprire all’innovazione ed all’internazionalità, riuscendo così a proporre una linea completa e convincente: Pinot Bianco e Grigio, Sauvignon e Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Merlot, Pinot Nero ma anche Friulano, Ribolla Gialla, anche in versione spumante.

Il Collio Pinot Bianco Doc Santarosa, affinato in parte in barrique ed in parte in acciaio sui propri lieviti sino al marzo successivo alla vendemmia, si presenta per quanto riguarda la vendemmia 2022 di un bel colore giallo paglierino luminoso, con ampie striature dorate. Di buona consistenza nel calice, si apre vigoroso al naso con profumi di cedro, pesca, zagara, fiori di camomilla e fiori di acacia; in bocca scorre morbido e rotondo, caldo ma anche sapido e con una spalla acida importante. Strutturato ma agile, appaga il gusto raggiungendo un ottimo equilibrio e prolungandosi in un finale molto lungo, persistente ed elegante.

Un Pinot Bianco che ha classe e qualità da vendere, da provare in abbinamento con dei tagliolini al nero di seppia.