Chablis

Chablis A.O.C. Premier Cru Fourchaume 2018, Louis Jadot

by Vitocco Francesco on

La Maison Louis Jadot nacque ufficialmente nel 1859, quando Louis Henry Denis Jadot diede seguito all’acquisto effettuato una trentina d’anni prima dalla sua famiglia, originaria del Belgio, di alcuni vigneti situati a Beaune, e precisamente del Premier Cru Clos des Ursules.

Per oltre un secolo si alternarono generazioni della famiglia Jadot alla guida della Maison, ingrandendola e sviluppando sempre di più i propri mercati di riferimento, soprattutto esportando in Inghilterra e negli Stati Uniti, fino a che, nel 1985, la signora Jadot decise di vendere la società alla famiglia del proprio importatore americano Rudy Kopf.

Al giorno d’oggi la Maison Louis Jadot coltiva più di duecento ettari di vigneto in tutta la Borgogna, producendo solo vini ad Appellation d’Origine Contrôlée, A.O.C.; Pinot Noir, Chardonnay e Gamay, con una varietà di prodotti capace di raggiungere, oltre alle più blasonate etichette della Côte de Nuits e della Côte de Beaune, anche il Beaujolais ed il Mâconnais.

Lo Chablis A.O.C. Premier Cru Fourchame proveniente dalla vendemmia 2018 si presenta di un bel colore giallo paglierino nel calice, luminoso e consitente; il naso molto scattante si apre su note di pesca gialla, camomilla, burro, foglia di tè e salvia, con affondi minerali importanti seguiti da accenni di glicine e acacia. Al palato scorre teso e grintoso, generoso in freschezza e sapidità, con una line minerale profonda e molto piacevole; caldo, preciso ed elegante, risulta equilibrato e giustamente complesso, con un finale lungo e molto persistente.

Uno Chablis di terroir, minerale, fruttato, di assoluta qualità; ottimo in abbinamento con le ostriche.

L’azienda vitivinicola Château de Fleys è una piccolo realtà di Chablis, una delle zone di Francia dove si producono alcuni dei migliori Chardonnay del mondo. La cantina, proprietà della famiglia Philippon dal 1998, in parte vende le proprie uve ed in parte, quella che ci interessa, produce alcuni eccellenti vini bianchi come ad esempio lo Chablis A.O.C. Premier Cru Mont de Milieu Vieilles Vignes.

Dalla vendemmia 2014 ci giunge nel calice un vino di colore giallo paglierino luminoso e di ottima consistenza nel calice; il naso è fragrante con richiami di burro e vaniglia, seguiti da vibranti note di pesca bianca, frutta esotica, erbe aromatiche, frutta secca e ginestra essiccata. Il sorso è meravigliosamente vellutato, elegante, corposo e ben bilanciato, con una tendenza alla mineralità molto piacevole; il finale ripropone quanto percepito al naso, con una lunga e completa persistenza.

Un vino fine, di classe, di qualità. Lo proverei con un risotto ai finferli.

Il Domaine Bernard Defaix sorge a Chablis, la terra dello Chardonnay, ed è giunta alla quarta generazione di famiglia. Viticoltori dal 1959, da quando Bernard iniziò a dedicarsi ai primi due ettari di vigna, oggigiorno sono i suoi due figli a gestire l’azienda, con una superficie vitata arrivata ai ventisette ettari. Nel 2009 la famiglia Defaix ha ufficializzato la conversione del vigneto in agricoltura biologica, raggiungendo un’agricoltura ecologica sempre più sostenibile.


Oggi ci versiamo nel calice lo Chablis A.O.C. Premier Cru Côte de Lechet proveniente dalla vendemmia 2014: di colore giallo paglierino luminoso, mediamente consistente, regala al naso fresche note di cedro, lime, mughetto, mela golden e kiwi, sottolineate da tocchi minerali molto intensi; l’ottima mineralità si apprezza anche in bocca, in equilibrio con una decisa freschezza ben immersa in una struttura succosa e molto piacevole. Le note pseudocaloriche sono generose, come il finale lungo e persistente.

Chardonnay in purezza di razza, fine e molto classico, figlio di uno splendido terroir e di un grande savoir-faire in cantina; lo proverei in abbinamento con i ravioli alla ricotta e spinaci. I vini del Domaine vengono importati in esclusiva per l’Italia da Pellegrini Spa di Cisano Bergamasco (BG).