Austria

Rotgipfler Student 2013, Freigut Thallern

by Vitocco Francesco on

Nella regione dell’Austria vitivinicola conosciuta con il nome di Thermenregion, e più precisamente nel centro abitato di Gumpoldskirchen, sorge l’azienda Freigut Thallern. La cantina produce in prevalenza vini bianchi per circa il 60% dell’intera produzione dai trenta ettari dove crescono Weissburgunder, Riesling, Rotgipler, Grüner Veltliner,Zweigelt, Pinot Noire e St. Laurent.

Fra i tanti vini bianchi interessanti, da un vitigno non molto conosciuto, il Rotgipfler, tipico della zona a sud di Vienna, degustiamo l’annata 2013: di colore giallo paglierino, a tratti dorato, di media consistenza nel calice, presenta un bellissimo profilo olfattivo intenso e ricco di frutta gialla polposa, con note minerali fitte e taglienti. In bocca è molto particolare, con cenni aromatici e sfumature sulfuree, sapido e fresco, ben equilibrato con ventate di calore ben supportato da un buon corpo gustoso. Lungo e persistente, proviamolo in abbinamento con dei frutti di mare freschissimi.

Pinot Blanc Seeberg 2014, Weingut Prieler

by Vitocco Francesco on

Nel Neusiedlersee – Hügelland in località Schützen sorge la cantina austriaca Weingut Prieler, una delle più affermate e rinomate della zona. Venti sono gli ettari vitati per una produzione totale annua di circa novantamila bottiglie, fra Blaufränkisch, Pinot Noir, Cabernet Sauvignon, Welschriesling, Pinot Blanc e Chardonnay.

La gamma di Pinot Blanc è davvero interessante ed oggi assaggiamo il Pinot Blanc Seeberg proveniente dalla vendemmia 2014: di colore giallo paglierino luminoso, mediamente consistente nel calice, propone un bouquet olfattivo molto intenso e fresco, con note di pera e mela renetta, salvia e caprifoglio, con un richiamo alla selce e ad una diffusa mineralità. Molto fruttato in bocca, procede con eleganza fra freschezza e sapidità, buon calore e corpo snello.

Lungo e persistente il finale, lo rende ottimo in abbinamento con il baccalà mantecato su un letto di polenta bianca.

Blaufränkisch Diabas 2011, Weingut Jalits

by Vitocco Francesco on

Nel distretto vinicolo austriaco del Südburgenland, precisamente a Badersdorf, si trova l’azienda vitivinicola Jalits, une delle migliori realtà della zona per quanto riguarda la produzione di vini rossi di qualità: novanta per cento di rossi e dieci di bianchi, distribuiti su circa quarantamila bottiglie all’anno. Gli ettari vitati sono circa dieci, con i vitigni classici locali quali lo Zweigelt e soprattutto il Blaufränkisch ed il Pinot Noir.

Oggi ci versiamo nel calice il Blaufränkisch Diabas proveniente dalla vendemmia 2011, un vino che prima di raggiungere la bottiglia viene lasciato affinare per ventidue mesi in legno; di colore rosso rubino fitto ed intenso, piuttosto consistente nel calice, profuma di aromi erbacei e floreali, lamponi, more, vaniglia, con note tostate, balsamiche e speziate. Sontuoso in bocca, scorre con bei tannini croccanti sorretti da buona struttura e da una certa freschezza molto piacevole; ancora fruttato e minerale, chiude con discreta lunghezza e persistenza aromatica.

Vino incisivo e di qualità, proviamo un abbinamento con l’anatra al forno.

Rotgipfler Wiege 2012, Leo Aumann

by Vitocco Francesco on

Nella regione dell’Austria vitivinicola conosciuta con il nome di Thermenregion, e più precisamente nel centro abitato di Tribuswinkel, sorge l’azienda di Leopold Aumann. La cantina produce in prevalenza vini rossi per circa il 70% dell’intera produzione dai trenta ettari dove crescono Merlot, Zweigelt, Pinot Noir, St. Laurent, Sauvignon Blanc, Chardonnay, Riseling e Grüner Veltliner.

Seppur la cantina sia diventata celebre per i suoi vini rossi, qui vengono prodotti alcuni vini bianchi molto interessanti, da alcuni vitigni piuttosto insoliti; uno di questi è il Rotgipfler, tipico della zona a sud di Vienna, di cui degustiamo l’annata 2012: giallo paglierino di media consistenza nel calice, presenta un bellissimo profilo olfattivo intenso e ricco di frutta gialla polposa, con note minerali fitte e taglienti. In bocca è molto particolare, con cenni aromatici e sfumature sulfuree, sapido e fresco, ben equilibrato con ventate di calore ben supportato da un buon corpo gustoso.

Lungo e pieno il finale, chiude il profilo di un vino speciale, da provare sicuramente.