Alto Adige

Alto Adige Lagrein Doc Riserva Porphyr 2015, Cantina Terlano

by Vitocco Francesco on

La Cantina Terlano, in provincia di Bolzano, produce alcuni dei migliori vini del mondo. All’interno di una vasta produzione di quasi un milione e mezzo di bottiglie l’anno, brillano gioielli di qualità e longevità impressionanti, soprattutto dai vitigni Pinot Bianco, Chardonnay, Sauvignon Blanc e Gewürztraminer, senza dimenticare Pinot Nero e Lagrein.

L’Alto Adige Lagrein Doc Riserva Porphyr proveniente dalla vendemmia 2015 affina per circa diciotto mesi in barrique e si presenta di un bel colore rosso rubino tendente al granato, di grande consistenza nel calice; al naso si apre lentamente con vigorose note di prugna matura, rabarbaro, ciliegia sotto spirito, cioccolato e cannella, molto ampie e ben delineate. In bocca l’assaggio è concentrato e succoso, con un frutto maturo ed una struttura importante; fresco e abbastanza sapido, possiede tannini estremamente eleganti ed una progressione esemplare. Caldo e abbastanza morbido, chiude con un finale molto lungo e persistente.

Altro gioiello da questa splendida cantina, ottimo in abbinamento con selvaggina e formaggi stagionati.

Alto Adige Bianco Doc Stoan 2017, Tramin

by Vitocco Francesco on

La cantina di Tramin affonda le proprie radici nel tempo, più di un secolo fa essendo stata fondata nel 1898 a Termeno, in provincia di Bolzano; questa cooperativa coltiva all’incirca duecentocinquanta ettari di terreno, per un totale di bottiglie prodotte all’anno di un milione e ottocentomila. Realtà cooperativa, ma spesso come succede in Alto Adige, livello altissimo dei propri prodotti: Gewürztraminer in primis, in versione sia secco sia dolce, ma anche Sauvignon Blanc, Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Riesling, Moscato Rosa, Lagrein, Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot e Schiava. Oggi assaggiamo l’Alto Adige Bianco Doc Stoan, costituito al 65% da Chardonnay, al 20% da Sauvignon, al 10% da Pinot Bianco e da un 5% di Gewürztraminer; affinato per undici mesi circa in botti grandi di legno e per tre mesi in bottiglia, dalla vendemmia 2017 ci giunge nel calice un liquido dorato di colore giallo paglierino con ampi riflessi dorati, limpido e luminoso. Di buona consistenza nel calice, sprigiona all’olfatto intensi aromi di pesca bianca, ginestra, mela golden, caprifoglio, litchi e pompelmo; al palato scorre con eleganti sensazioni fruttate, calibrato sui toni sapidi e generoso nelle note pseudocaoriche, possiede una certa struttura ed una perfetta simmetria. Il finale armonico lungo e persistente chiude l’assaggio di un vino d’autore, meravigliosa espressione di un grande territorio; lo abbinerei con dei tortelli al ragù di cernia.

Alto Adige Gewürztraminer Doc Nussbaumer 2017, Tramin

by Vitocco Francesco on

La cantina di Tramin affonda le proprie radici nel tempo, più di un secolo fa essendo stata fondata nel 1898 a Termeno, in provincia di Bolzano; questa cooperativa coltiva all’incirca duecentocinquanta ettari di terreno, per un totale di bottiglie prodotte all’anno di un milione e ottocentomila. Realtà cooperativa, ma spesso come succede in Alto Adige, livello altissimo dei propri prodotti: Gewürztraminer in primis, in versione sia secco sia dolce, ma anche Sauvignon Blanc, Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Riesling, Moscato Rosa, Lagrein, Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot e Schiava.

Ci versiamo nel calice l’annata 2017 dell’Alto Adige Gewürztraminer Doc Nussbaumer, uno dei vessilli della cantina alto altesina: di colore giallo dorato, molto consistente nel calice, si apre all’olfatto con gentili note di mango, litchi, frutta tropicale e agrumi, sentori molto intensi ed ampi, a cui seguono richiami eleganti allo zenzero ed alla noce moscata. In bocca è l’ennesima poesia, delineata da grande morbidezza e struttura, con note pseudocaloriche ben dosate in una complessità matura, sottolineata da freschezza e sapidità in perfetto equilibrio.

Lo svolgimento in bocca è armonico e profondo, con un finale lungo e molto persistente; l’annata 2017 conferma il Nussbaumer come l’ennesimo capolavoro di questa eccellente cantina.

La storica azienda di Caldaro, Baron Di Pauli, può vantare una tradizione di oltre trecento anni nella produzione di vini di alta qualità; la Tenuta si estende su due terreni principali, l’Arzenhof situato a Caldaro e l’Höfl in località Soll, nelle vicinanze di  Termeno. I vitigni coltivati sono quelli della tradizione locale: Gewürztraminer, Riesling, Sauvignon Blanc, Lagrein, Schiava, Cabernet Sauvignon e Merlot.

Oggi stappiamo l’annata 2015 dell’ Alto Adige Merlot – Cabernet Doc Riserva Arzio, le cui uve vengono affinate in barrique per circa diciotto mesi; di colore rosso rubino fitto ed intenso, si muove con buona consistenza nel calice. Lo spettro olfattivo punta su richiami alla prugna matura ed alle more, con una scia di cassis, liquirizia, cioccolata fondente e ginepro; in bocca esprime un tannino ben lavorato e ben calibrato, note pseudocaloriche generose ma ben bilanciata con una struttura importante, fresco – sapida e rotonda.

La chiusura è lunga ed importante, gustosa e piena: un grande vino rosso da abbinare a piatti importanti come lo spezzatino di capriolo al ginepro.

Alto Adige Gewürztraminer Doc Riserva Elyònd 2015, Laimburg

by Vitocco Francesco on

L’azienda vitivinicola Laimburg rappresenta una delle realtà di riferimento per quanto riguarda la viticoltura dell’Alto Adige; fondata cinquant’anni la cantina si trova ad Ora, in provincia di Bolzano, anche se dovremmo parlare di cantine, visti i diversi spazi aziendali fra cui la bellissima e suggestiva cantina nella roccia, costruita verso la fine degli anni ottanta. La produzione vede in prima linea i bianchi Riesling, Gewürztraminer, Sauvignon Blanc, Kerner e Pinot Bianco, mentre tra i rossi Lagrein, Cabernet Sauvignon, Schiava e Merlot, solo per ricordarne alcuni.

L’Alto Adige Gewürztraminer Doc Riserva Elyònd si presenta per l’annata 2015 di un acceso colore giallo dorato, decisamente consistente nel calice. Al naso esprime la tipica aromaticità del vitigno, con intense sfaccettature di litchi, pesca gialla, ananas, petali di rosa essiccata, pompelmo e caprifoglio; ottima rotondità al palato, scorre con delineata freschezza e giusta sapidità, senza lasciare spazio a residui zuccherini percettibili si allunga con elegante compattezza e profondità del frutto. Caldo e molto piacevole, chiude con un finale simmetrico e piuttosto lungo e persistente.

Un ottimo Gewürztraminer che proverei con dei fiori di zucca fritti ripieni di gorgonzola e alici.

Alto Adige Bianco Doc Stoan 2016, Tramin

by Vitocco Francesco on

La cantina di Tramin affonda le proprie radici nel tempo, più di un secolo fa essendo stata fondata nel 1898 a Termeno, in provincia di Bolzano; questa cooperativa coltiva all’incirca duecentocinquanta ettari di terreno, per un totale di bottiglie prodotte all’anno di un milione e ottocentomila. Realtà cooperativa, ma spesso come succede in Alto Adige, livello altissimo dei propri prodotti: Gewürztraminer in primis, in versione sia secco sia dolce, ma anche Sauvignon Blanc, Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Riesling, Moscato Rosa, Lagrein, Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot e Schiava.

Oggi assaggiamo l’Alto Adige Bianco Doc Stoan, costituito al 65% Chardonnay, al 20% da Sauvignon, al 10% da Pinot Bianco e da un 5% di Gewürztraminer; affinato per undici mesi circa in botti grandi di legno e per tre mesi in bottiglia; l’annata 2016 si presenta vestita di un bel colore giallo dorato luminoso, di buona consistenza nel calice. Al naso si dimostra intenso, con un fine bouquet olfattivo delineato da note di melograno, litchi e pera, seguite da pesca bianca, caprifoglio e richiami al burro; in bocca la freschezza procede a braccetto con la mineralità, esprimendo buone note pseudocaloriche ed una ottimo equilibrio.

Elegante e gustoso, si distende in un finale lungo, molto piacevole e persistente; un’altra perla di questa cantina meravigliosa, da provare in abbinamento con dei noodles della cucina tai con pollo e gamberetti.

L’azienda di Tramin Elena Walch è una delle più note e rinomate nel panorama vitivinicolo dell’Alto Adige; fondata nel 1988, produce alcune delle migliori espressioni dai vitigni tipici della zona, come Lagrein , Riesling, Pinot Nero e Gewürztraminer, oltre ad interessanti interpretazioni da altri vitigni come Merlot, Chardonnay e Sauvignon, con un grande blend di altissimo livello, il Kermesse Vdt, unione sapiente di Syrah, Petit Verdot, Merlot, Lagrein e Cabernet Sauvignon.

Dalle migliori selezioni del classico vitigno Schiava viene realizzato l’Alto Adige Lago di Caldaro Doc Classico Superiore Per Sé, di cui oggi assaggiamo l’annata 2017: di colore rosso rubino luminoso, possiede una media consistenza nel calice; al naso arrivano note di ciliegia, prugna, mora e lampone, seguite da violetta e cacao. In bocca scorre con bei tannini delicate ed eleganti, fresco e sapido in buon equilibrio la struttura è interessante e abbonda d richiami simmetrici a quanto percepito con l’olfatto.

Molto piacevole e di ottima fattura, chiude con un bel finale snello e intrigante; sarà perfetto in abbinamento con i tipici salumi locali.

Dalla Cantina Produttori Santa Maddelena e Produttori di Gries è nata nel 2001 Cantina Bolzano, una splendida realtà dell’Alto Adige, fra le eccellenze oggi regionali e nazionali. Gli ettari posti a vigna sono in totale circa trecentoventi con un ragguardevole numero di bottiglie prodotte ogni anno che si aggira intorno ai tre milioni; la gamma dei vini è ampia e vasta, con autorevoli interpretazioni dai vitigni classici del territorio e da quelli più internazionali che qui hanno trovato una culla d’elezione: Merlot, Cabernet Sauvignon e Franc, Lagrein, Pinot Nero, Schiava, ma anche Moscato Giallo, Moscato Rosa, Sauvignon Blanc, Chardonnay, Pinot Bianco, Gewürztraminer e Müller Thurgau.

C’è da dire che la linea dei vini rossi è davvero eccezionale, con campioni di qualità come il Merlot Siebeneich, il Cabernet Mumelter e tutta la linea dei Lagrein; oggi ci versiamo nel calice l’annata 2015 dell’Alto Adige Cabernet Riserva Doc Mulmeter, composto da uve Cabernet Sauvignon e Franc, affinate in barrique francesi e botti grandi per un’anno.

Di colore rosso rubino fitto, con accenni che virano al violaceo, di buona consistenza, si apre vigoroso al naso con richiami alla viola essiccata, alla mora, al ribes, alla cannella ed al rabarbaro; in bocca è subito caldo e avvolgente, con tannini quasi ricamati intorno al frutto ed alla mineralità. Corposo e generoso, risulta equilibrato e complesso, con un finale lungo e molto persistente; rosso di gran qualità che abbinerei alla cacciagione ed ai formaggi molto stagionati.

 

Alto Adige Gewürztraminer Doc Nussbaumer 2016, Tramin

by Vitocco Francesco on

La cantina di Tramin affonda le proprie radici nel tempo, più di un secolo fa essendo stata fondata nel 1898 a Termeno, in provincia di Bolzano; questa cooperativa coltiva all’incirca duecentocinquanta ettari di terreno, per un totale di bottiglie prodotte all’anno di un milione e ottocentomila. Realtà cooperativa, ma spesso come succede in Alto Adige, livello altissimo dei propri prodotti: Gewürztraminer in primis, in versione sia secco sia dolce, ma anche Sauvignon Blanc, Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Riesling, Moscato Rosa, Lagrein, Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot e Schiava.

L’ Alto Adige Gewürztraminer Doc Nussbaumer proveniente dalla vendemmia 2016 possiede un bel colore giallo dorato scintillante, decisamente consistente nel calice; intenso e ampio al naso, propone una scia di profumi fruttati e floreali, pesca gialla, ananas, rosa canina, mango, gelsomino e arancia candita. Leggermente meno straripante all’olfatto rispetto alla precedente, è però più profondo al palato, dove scorre con eccezionale morbidezza, con dosato calore e spiccata freschezza; minerale e ancora fruttato, esprime un meraviglioso equilibrio ed una candida finezza.

Gewürztraminer anche quest’anno eccellente, chiude l’assaggio con una lunghissima persistenza aromatica; da provare con dei paccheri al gorgonzola e speck.

Alto Adige Pinot Bianco Doc Palladium 2017, Martini & Sohn

by Vitocco Francesco on

A Cornaiano, in provincia di Bolzano, si trova l’azienda vitivinicola Martini & Sohn, fondata nel 1979 e capace da subito di realizzare vini di alta qualità. I trenta ettari vitati si coniugano in una produzione media annua di circa duecentocinquantamila bottiglie, distribuite nei grandi classici dell’Alto Adige: Pinot Bianco, Pinot Grigio, Riesling, Müller Thurgau, Gewürztraminer, Moscato Giallo, Kerner, Sauvignon Blanc, Chardonnay, Pinot Nero, Lagrein, Merlot, Schiava e Moscato Rosa.

Oggi assaggiamo l’Alto Adige Pinot Bianco Doc Palladium proveniente dalla vendemmia 2017: il vino si presenta di un bel colore giallo paglierino con leggeri riflessi verdolini, di buona consistenza nel calice; al naso si percepisce intenso e ampio, con profumi di mela golden, pompelmo, fiori di camomilla, caprifoglio, pesca gialla e melograno. In bocca si apprezza buona freschezza e sapidità, capaci di fondersi in una pregevole armonia; piacevole e dal sorso elegante, chiude preciso in un finale di media lunghezza.

Pinot Bianco ben fatto e molto piacevole, lo proverei in abbinamento con il baccalà mantecato.