Vini

Riesling Smaragd Singerriedl – Spitz 2021, Domäne Wachau

by Vitocco Francesco on

Il Domäne Wachau rappresenta uno dei punti di riferimento della zona per quanto riguarda la produzione di Riesling e Grüner Veltliner di alta qualità; costituita da circa quattrocentoventi ettari vitati, ha come suo centro operativo la cittadina di Dürnstein. La produzione supera le due milioni e mezzo di bottiglie con una netta prevalenza di vini bianchi, quasi il novanta per cento.

Il Riesling Smaragd Singerriedl – Spitz 2021 si presenta nel calice con un bel giallo paglierino luminoso, di buona consistenza. Il profilo olfattivo è elegante, intenso e variegato, con richiami alla pesca bianca, al litchi, alle erbe medicinali, con sentori delicati di salvia, mandarino e ginestra, sottolineati da tanta e piacevole mineralità.

La mineralità viene ripresa anche in bocca, con una freschezza decisa che riesce a incantare il palato; secco, caldo e di buon corpo, possiede una struttura elegante e compatta, capace di affrontare il passare del tempo senza pensieri.

Molto versatile in tavola, lo abbinerei a dei filetti di orata in crosta.

Riesling N°21 Ayl Premier Cru 2021, Weingut Peter Lauer

by Vitocco Francesco on

Ad Ayl, lungo la Trierer Strasse, sorge l’azienda vitivinicola Peter Lauer, situata nel distretto vinicolo tedesco del Saar. Giunti ormai alla quinta generazione, la famiglia Lauer si dedica alla coltivazione della vite da più di centosettantacinque anni, realizzando Riesling eccellenti ed emozionanti.

Oggi ci versiamo nel calice l’annata 2021 del Riesling N°21 Ayl Premier Cru, un vino di colore giallo paglierino molto luminoso. Di media consistenza, si apre vigoroso al naso con variegate nuances di pesca bianca, lime, agrumi e salvia, con sbuffi minerali e di frutta secca quasi tostata.

In bocca è secco e molto fresco, di grande impatto al palato, minerale e caldo, avvolgente e sempre in spinta, con ritorni fruttati generosi e succulenti. Elegante e snello, si allunga in un finale decisamente persistente.

Un Riesling di pregio che abbinerei ad una carbonara di pesce.

Greco di Tufo Docg 2019, La Molara

by Vitocco Francesco on

A Lugosano, in provincia di Avellino, sorge l’azienda vitivinicola La Molara, fondata nel 2002 in quel di contrada Pesco. Dai tre ettari vitati la produzione annua si aggira intorno alle quarantamila bottiglie, dedicate ai vitigni campani Greco di Tufo, Fiano di Avellino, Falanghina ed Aglianico.

Il Greco di Tufo Docg proveniente dalla vendemmia 2019 si presenta di un bel giallo paglierino bello splendente, di buona consistenza nel calice. Al naso regala un bouquet olfattivo intenso, con note di pesca bianca, ananas, fiori di acacia, ginestra e mallo di noce, con leggeri sbuffi di gesso ed una sottile mineralità diffusa. Minerale e fresco anche al palato, scorre con buona morbidezza, compatto ed elegante, ancora fruttato e leggermente speziato. Di ottimo equilibrio, chiude con un finale lungo e persistente.

Greco di Tufo eccellente, ottimo in tavola in abbinamento con il polipo alla griglia su letto di patate.

Vermentino di Gallura Superiore Docg Sciala 2021, Surrau

by Vitocco Francesco on

In località Chilvaggja, ad Arzachena in provincia di Sassari, si trova l’azienda vitivinicola Surrau. Con un vigneto che copre quasi cinquanta ettari situato a poca distanza dal mare, la produzione è incentrata sui vitigni Vermentino di Gallura e Cannonau in primis, con un’occhio di riguardo per le altre uve locali.

Oggi assaggiamo il Vermentino di Gallura Superiore Docg Sciala, ottenuto da un’attenta selezione delle migliori uve provenienti dalla valle di Surrau; l’annata 2021 si presenta di un bel colore giallo paglierino intenso e splendente, di buona consistenza nel calice. Al naso esprime vigorose ed eleganti note di pesca gialla, ananas, caprifoglio, salvia, erbe aromatiche e mimosa, con una linea minerale decisa. In bocca scorre con buona morbidezza e calore, sapido e fresco, con un sorso compatto ed estremamente pulito e piacevole.

Succoso e pieno, si distende in un bel finale lungo e persistente, richiamando simmetricamente al gusto quanto percepito all’olfatto.

Vermentino di grande qualità e territorialità, lo abbinerei ad una buon trancio di tonno alla griglia.

Chianti Classico Docg Riserva 2018, Badia a Coltibuono

by Vitocco Francesco on

A Gaiole in Chianti, nell’omonima località, si trova l’azienda vitivinicola Badia a Coltibuono, la cui fondazione risale storicamente al lontano 1051, un tempo infatti fù una delle abbazie dei monaci vallombrosani. Ad oggi si estende su circa sessantatre ettari dedicati alla coltivazione per lo più dell’uva Sangiovese, declinata in una produzione annua che si aggira intorno alle duecentotrenta mila bottiglie.

Il Chianti Classico Docg Riserva proveniente dalla vendemmia 2018 si presenta, dopo un affinamento di circa ventiquattro mesi in botti di rovere francese ed austriaco ed una sosta in bottiglia di quattro mesi, di un bel colore rosso granato, luminoso e limpido. Di buona consistenza, emana dal calice un bouquet olfattivo ampio e intenso, con richiami alla ciliegia, all’arancia rossa, all’iris, al melograno, al rabarbaro ed alla cannella. In bocca propone un tannino ben lavorato ed integrato in una struttura solida e vivace; fresco e caldo, di media sapidità, propone un frutto generoso e pienamente svolto, con un ottimo equilibrio.

Elegante, complesso e variegato, chiude con un finale inappuntabile, lungo e persistente; un grande Chianti, territoriale e al tempo stesso internazionale, da provare in abbinamento con dei classici pici al ragù di cinghiale.

Podfuck 2018, Milan Nestarec

by Vitocco Francesco on

L’azienda vitivinicola Milan Nestarec si trova in Repubblica Ceca, nella parte meridionale della Moravia, in località Velke Bilovice; fondata nel 2001, è giunta ormai alla seconda generazione, condotta oggi dal giovane Milan, il quale è stato capace in breve tempo di realizzare prodotti di grande identità e qualità, sapendo interpretare al meglio gli otto ettari aziendali.

Il progetto Podfuck nasce come vino bianco a base Pinot Grigio, per approdare cammin facendo sulle sponde del rosso, per l’annata 2018 infatti la composizione conta un 60% di uve Pinot Noir, 20% Blaufränkisch ed un ponte fra i due costituito da un 20% di Pinot Grigio, il tutto lasciato affinare per sedici mesi in botte.

Nel calice si veste di un rosso rubino trasparente, con leggeri nuances violacee, di media consistenza nel calice. Al naso vibra di lamponi e ciliegie, mentre al palato continuano le forti vibrazioni dovute ad una spiccata freschezza che non cede mai durante tutto il sorso. Di magistrale eleganza e frutto pieno, solletica ad una latro sorso, e poi ad un altro ancora.

Un vino che è una piccola grande esperienza, nella diversità si collega a spazi già conosciuti reinterpretandoli, il tutto al servizio della facilità di beva e della qualità.

Al giorno d’oggi un vino del futuro.

Romagna Albana Secco Docg I Croppi 2021, Celli

by Vitocco Francesco on

L’azienda vitivinicola Celli si trova nella splendida Bertinoro, in provincia di Forlì, vera e propria roccaforte del vino della Romagna. Nata nel 1965, ad oggi vanta trentacinque ettari di vigna con una produzione annua che si aggira intorno alle trecentomila bottiglie, dedicate per lo più ai vitigni Albana e Sangiovese, con interpretazioni di grande e convincente qualità.

Oggi ci versiamo nel calice l’annata 2021 del Romagna Albana Secco Docg I Croppi, un vino di colore giallo dorato splendente, piuttosto consistente. Al naso regala ampi richiami alla frutta tropicale, mango ed ananas, al bergamotto ed alla pesca bianca, con leggeri sentori di melone, ginestra, zenzero ed erbe aromatiche. In bocca entra con buona freschezza e sapidità, cado e abbastanza morbido, generoso e rinfrescante; di buona struttura ed eleganza espressiva, tocca un suadente equilibrio che sfocia in uno splendido finale lungo, persistente ed appagante.

Un vino bianco avvolgente e di carattere, da provare in abbinamento con un buon branzino al forno.

Lemberger Neipperg Schlossberg 2018, Weingut Graf Neipperg

by Vitocco Francesco on

Il Württemberg Tedesco si afferma sempre di più come zona vocata per la produzione di vini di qualità, sia bianchi che rossi. In località Schwaigern sorge l’azienda vitivinicola Graf Neipperg, le cui origini risalirebbero addirittura all’anno 1248; ad oggi si estende su circa trentadue ettari vitati, dedicati alle varietà locali Lemberger, Riesling, Trollinger e Rivaner, oltre a quelle più internazionali come Spätburgunder, Syrah, Cabernet Sauvignon, Merlot, Muskateller e Weissburgunder, per un totale di produzione che si aggira intorno alle centottantamila bottiglie all’anno.

Il Lemberger Neipperg Schlossberg 2018 si presenta nel calice di un bel colore rosso rubino luminoso e limpido, di media consistenza. Il naso è fresco ed intenso, con belle note di prugna matura, sottobosco, cannella, vaniglia e rabarbaro; in bocca possiede una buona freschezza, tannini delicati ed una discreta morbidezza. Abbastanza caldo, di medio corpo, regala ancora sensazioni fruttate e speziate. Lungo e persistente, si dimostra equilibrato e molto piacevole.

Da provare in abbinamento con un buon carrè di agnello.

Salento Primitivo Igp Rosato Aka 2021, Produttori di Manduria

by Vitocco Francesco on

La cantina Produttori di Manduria nasce come consorzio nel lontano 1932, ma già attiva quattro anni prima quando un piccolo gruppo di vignaioli si unì per creare e valorizzare le uve e i vini di questo splendido territorio. Il tempo ed il duro lavoro ci porta ai giorni nostri, ad una realtà che conta mille ettari vitati e quattrocento vignaioli, capaci di regalare prodotti ormai di qualità assoluta.

Siamo nella terra del vitigno Primitivo ed oggi lo assaggiamo in versione rosato con il Salento Primitivo Igp Rosato Aka 2021; di colore rosa corallo, richiamato anche nell’elegante etichetta, di buona consistenza nel calice, seduce all’olfatto con profumi eleganti ed intensi di fragoline di bosco, lampone, rosa canina, foglia di pomodoro e arancia rossa, con sentori minerali decisi e molto delicati. In bocca esprime il frutto con molta franchezza, scorrendo morbido, fresco e salino, denotando una splendida struttura tutta equilibrio e piacevolezza. Caldo al punto giusto, di media lunghezza e persistenza, richiama ad un secondo sorso come i grandi rosati sanno fare.

Ben fatto, di qualità, soddisfacente e di carattere, un grande rosato ottimo dall’aperitivo al secondo, da provare in abbinamento con delle pappardelle al ragù di corte.

Zierfandler Gumpoldskirchen 2020, Weingut Gebeshuber

by Vitocco Francesco on

Nel distretto vinicolo chiamato Thermenregion, nella località austriaca di Gumpoldskirchen, si trova l’azienda vitivinicola di Johannes Gebeshuber. Disposta su circa trenta ettari vitati, la maggioranza è dedicata alle uve a bacca bianca, Zierfandler e Rotgipfler, con una buona presenza di uve a bacca rossa come Pinot Noir e Sankt Laurent.

Oggi assaggiamo il Zierfandler Gumpoldskirchen proveniente dalla vendemmia 2020, affinato in botti di legno da cinquecento litri di terzo e quarto passaggio. Il risultato è un vino di un bel colore giallo paglierino splendente, di buona consistenza nel calice; al naso è un walzer intenso di aromi che richiamano il bergamotto e l’arancia rossa, ma anche l’ananas, il litchi, la salvia e la mandorla.

Molto piacevole al palato, scorre morbido con buona freschezza e spiccata mineralità, dosate note pseudocaloriche ed una grande grinta; strutturato e mediamente complesso, di buon equilibrio, si distende in un bel finale, lungo e persistente, appagante e decisamente elegante.

Ottimo vino bianco da un vitigno che ben si adatta al clima di questa parte d’Austria, da provare in abbinamento con l’astice alla catalana.